Chirurgia dell'ernia inguinale

PDF

Chirurgia delle ernie - Cause

Ultimo aggiornamento Domenica 29 Dicembre 2013 16:36

Cause di ernia inguinale

L’ernia inguinale acquisita (ernia inguinale diretta ed indiretta) si forma a seguito di un indebolimento della struttura muscolare e ligamentosa addominale in prossimità dell’inguine.

Un indebolimento costituzionale o acquisito del tessuto connettivo (metabolismo anomalo del collagene), il sovrappeso, l'età e la tipologia di attività lavorativa può contribuire allo sviluppo dell'ernia inguinale.

Anche altre cause, come ad esempio un aumento della pressione addominale oppure le conseguenze di un infortunio o sforzi intensi ripetuti negli anni, possono contribuire all’insorgenza di un’ernia inguinale.

L'ernia inguinale è molto più frequente negli uomini che nelle donne. I motivi sono legati alla diversa costituzione dell'anatomia inguinale nei due sessi.

In alcuni soggetti è possibile identificare una predisposizione ereditaria; per esempio è insorta nel padre, nel nonno, nel fratello, etc.

Si stima che l’ernia venga diagnosticata nel 4% degli adulti e, di questi, il 90% sono uomini.

Intervento per ernia inguinale

L'ernia inguinale tende a dare alcuni sintomi e, se questi sono molto frequenti o limitano l'attività quotidiana, o addirittura sono lesivi della salute a lungo termine, si può consigliare un intervento chirurgico per ernia, di norma con riparazione protesica in anestesia locale e in chirurgia di un solo giorno.

Il paziente dopo l'intervento necessita di circa quindici-venti giorni di convalescenza, con progressiva ripresa della normale attività.

 

PDF

Ernia inguinale - Cosa è?

Ultimo aggiornamento Domenica 29 Dicembre 2013 16:35

 

Cosa è l'ernia inguinale

L’ernia è la fuoriuscita di un organo o di una sua parte dalla cavità in cui normalmente è collocato. In genere, nell'ernia inguinale, soprattutto se voluminosa, può entrare una porzione di grasso della parete addominale, parte delle vescica urinaria, parte dell'intestino tenue, parte del colon, e talvolta anche l'appendice. L'erniazione tende a peggiorare con il passare del tempo, perchè i tessuti tendono ad "allentarsi" e anche per motivi legati alla pressione addominale positiva che fa fuoriuscire i tessuti.

L'ernia della regione inguinale si può suddividere in:

  • ernia inguinale
  • ernia inguino-scrotale
  • ernia femorale (o crurale)

Nell'uomo, l'ernia inguinale può progredire fino a farsi scrotale: si impegna nel sacco dove sono presenti i testicoli.

L'ernia inguinale e inguinoscrotale è più frequente nell'uomo mentre nella donna è più frequente l'ernia femorale.

ernia inguinoscrotale

I motivi di questa diversità sono legati alla diversa conformazione anatomica di questa zona nei due sessi.

Nell'uomo, infatti, nella zona inguinale passa il funicolo spermatico, nella donna un condotto fibroso molto piccolo.

Il funicolo spermatico è un insieme di strutture nervose e vascolari e muscolari che fuoriesce dalla regione inguinale per raggiungere  il testicolo. Il funicolo passa attraverso un orifizio interno della parete addominale, che può fare passare anche, per sfiancamento dei tessuti di sostegno, il contenuto addominale.

Il contenuto addominale che si ernia può essere una ansa intestinale del tenue o il colon, talvolta l'appendice o una porzione di omento. L'ernia si fa progressivamente più voluminosa fino a raggiungere talvolta dimensioni enormi. Nell'uomo è ancora frequente vedere ernie inguinoscrotali di dimensioni tali che l'intestino tenue tende a spostarsi nell'ernia.

Cause di ernia

L'ernia può comparire ad ogni età, anche se è più frequente dai quaranta anni in su, ma può colpire anche neonati e giovani.

Gli sforzi fisici continuativi ed intensi, la tosse, la stipsi ostinata e prolungata nel tempo possono favorire l'insorgenza e la progressione dimensionale dell'ernia. Comunque esiste la predisposizione genetica alla formazione delle ernie. Altre informazioni in Chirurgia delle ernie - Cause

Sintomi

Il sintomo più frequente dell'ernia inguinale è una tumefazione, un rigonfiamento più o meno dolente della regione inguinale, che progressivamente, nel corso dei mesi e degli anni, si fa sempre più prominente, fino a scendere nel sacco scrotale nell'uomo, e nel grande labbro nella donna.

Oltre alla tumefazione in sede inguinale si può evidenziare una sintomatologia dolorosa riferita dal paziente, come un senso di peso che si irradia dalla zona inguinale fino alla radice dello scroto; spesso il dolore è più evidente in posizione eretta e tende a ridursi ed a scomparire in posizione distesa o a riposo. Il dolore può farsi sempre più acuto se l'ernia è strozzata, impegnata nel canale erniario senza poter più rientrare nell'addome. Per maggiori informazioni vedi anche Chirurgia delle ernie - Sintomi

Intervento

La maggior parte delle ernie inguinali necessita di una correzione chirurgica. L'intervento per ernia inguinale può essere eseguito in anestesia locale in regime di ricovero di un solo giorno (Day Surgery). L'anestesia locale, nella maggior parte dei casi, o l'anestesia spinale (sulla schiena) è il ptipo di anestesia maggiormente utilizzato per le ernie di piccole o medie dimensioni. Vedi anche Chirurgia delle ernie - Intervento

Esistono anche altri tipi di ernie, fra cui:

  • ernia epigastrica,
  • ernia incisionale o laparocele,
  • ernia di Spigelio,
  • ernia inguinale bilaterale
  • ernia inguinale recidiva
  • ernia jatale (o iatale)
   

PDF

Chirurgia delle ernie - Ripresa attività

Ultimo aggiornamento Domenica 29 Dicembre 2013 16:43

Intervento per ernia inguinale

Dopo un intervento per chirurgia dell'ernia inguinale, è possibile riprendere velocemente le proprie attività sia quotidiane sia lavorative. L'utilizzo di tecniche protesiche nella riparazione erniaria permette di ridurre in modo consistente il dolore postoperatorio ed è possibile attendere alle normali attività quotidiane per alimentarsi e dedicarsi alla propria igiene personale sin dal giorno dell'intervento. Le tecniche protesiche prevedono l'utilizzo di materiali sintetici (assorbibili o non assorbibili o miste); questo permette di ridurre la frequenza di recidive erniarie.

Il dolore postoperatorio può essere controllato con farmaci di comune impiego (a meno di controindicazioni individuali) che in genere sono consigliati direttamente dal chirurgo.

Convalescenza dopo intervento per ernia inguinale

In generale, si consiglia di riprendere velocemente una attività fisica moderata che attenua molto il dolore postoperatorio, verosimilmente per un meccanismo di adattamento della protesi ai tessuti e dei tessuti alla protesi.

Una attività lavorativa non impegnativa può essere iniziata dopo quindici giorni circa, una attività pesante dopo circa trenta giorni.

Anche l'attività sportiva non agonistica può iniziare dopo una trentina di giorni dall'intervento. Per una attività sportiva agonistica si consiglia un controllo preventivo presso un Centro di medicina sportiva.

Per quanto concerne la dieta alimentare non ci sono controindicazioni particolari. Si consiglia di limitare la quantità di cibo nei primi giorni dall'intervento, di assumere una congrua quantità di liquidi, assieme a frutta e verdura. In alcuni casi possono essere utili dei blandi lassativi per facilitare l'evacuazione e ridurre lo sforzo del torchio addominale e quindi la tensione sulle fasce muscolari.

   

PDF

Chirurgia delle ernie - Tecnica laparoscopica

Ultimo aggiornamento Sabato 09 Novembre 2013 22:43

La tecnica laparoscopica per la terapia chirurgica dell'ernia ha un suo spazio definito nel trattamento di ernie plurirecidive.

Si distinguono due tipi di chirurgia erniaria in laparoscopia:

  • tecnica totalmente extraperitoneale (TEP)
  • tecnica transperitoneale (TAPP)

 

Nella tecnica EXTRAPERITONEALE - TEP gli strumenti laparoscopici sono inseriti un uno spazio fra i muscoli della parete addominale anteriore ed il peritoneo; nella tecnica intraperitoneale (TAPP) invece, l'approccio è dall'interno della cavità addominale.

La differenza per il paziente è minima. In entrambi i casi sono eseguiti dei fori di accesso laparoscopico nell'addome del paziente per arrivare alla sede erniaria. Una volta ridotta l'ernia si applica una protesi in materiale plastico che oblitera la porta erniaria.

Entrambe le tecniche si prestano per ernie bilaterali o recidive monolaterali, quando non ci sono controindicazioni ad un intervento chirurgico in anestesia generale.

   

PDF

Chirurgia delle ernie - Tipo di ricovero

Ultimo aggiornamento Domenica 29 Dicembre 2013 16:42

La chirurgia dell'ernia inguinale ha fatto molti progressi negli ultimi anni, permettendo di ridurre in modo considerevole il tempo medio di permanenza in ospedale.

Il miglioramento è legato sia alla tecnica chirurgica, sia al tipo di anestesia, sia alle migliorate condizioni sanitarie generali ed a motivi culturali.

La tecnica di riparazione delle ernie con materiale protesico ha permesso di ridurre i tempi dell'intervento chirurgico, di ridurre lo stimolo doloroso dopo l'intervento, e di ridurre la percentuale di recidive erniarie a distanza dopo l'intervento. L'utilizzo del materiale protesico, infatti, permette di chiudere il percorso di uscita dell'ernia senza stirare i tessuti del paziente: questo accorgimento consente di avere solo un dolore da taglio e non da stiramento, che invece è molto più duraturo e continuo.

Ricovero per ernia inguinale

Il regime di ricovero più frequentemente usato per la riparazione dell'ernia inguinale è il DAY-SURGERY, un ricovero che si protrae per alcune ore, in genere dalla mattina dell'intervento al primo pomeriggio; talvolta può essere necessario un pernottamento fino al giorno successivo all'intervento, nei casi più avanzati e tecnicamente difficili o in pazienti compromessi.

La tecnica laparoscopica può richiedere un ricovero con pernottamento o un ricovero saltuariamente più lungo.